Sistema ad ore uguali “babilonico”
[con testimonianze fino al XVIII° secolo circa]

 
il giorno (periodo di luce + periodo di buio) era suddiviso in 24 ore uguali di 60 minuti (“ore equinoziali” di derivazione araba  ) ed iniziava all'alba  secondo la tradizione orientale

 

       Questo metodo era in uso presso gli antichi popoli del Medio Oriente, soprattutto Babilonesi e Persiani. Non si conosce con certezza quando e come sia giunto fino a noi e tutt' ora permane incertezza circa la sua diffusione. 
       La sua adozione in Beomia ed Ungheria, sembra risalga  alla metà del 1300  per opera del lungimirante imperatore  Carlo IV° di Lussemburgo vissuto  dal 1316 al 1378 . Tale ora sembra  ivi
rimasta fino alla metà del XVI°secolo.

        Non si è molto diffuso in Italia e le poche meridiane originali sono spesso sovrapposte o abbinate a quadranti solari con sistema di tipo italico.

       Nelle meridiane moderne soprattutto se declinanti ad Est. risulta originale l'inserimento accanto alle comuni ore di altre ore dal sorgere del Sole che fanno capo appunto al sistema babilonico.

    L'orologio solare nella foto è parte del complesso di quadranti solari nel centro storico a S. Benigno Canavese (TO)

Un orologio solare da poco restaurato con la mia consulenza,  dove è presente questo tipo di ora è a Verona in località Orti di Spagna.

 


 

torna a "UN PO' DI STORIA"   torna a "UN PO' DI STORIA"